mercoledì 9 gennaio 2013

I MIEI AQUILONI

I miei "Aquilone " 
Sembra di vederli i miei aquiloni quando volano in cielo , vorrei afferrarli ma senza i piedi per terra non posso tenere gli aquiloni, mi trascinerebbero nel cielo. 
****
La gioia che provo quando guardo il cielo la posso provare anche guardando una goccia di rugiada sull'erba fresca del mattino , e perdermi nell'infinità di quella goccia che riflette l'azzurro del mio
****
 cielo, senza perdere nulla, al contrario ! divento più ricca perchè capisco che anche le cose le più piccole e in basso racchiudono dentro di loro la grandezza dell'universo. Se guardo in alto ho i  sogni, ma in basso c'è la vita ,io la seguo e so che ...
Sarò felice .
I misteri profondi dell'umano esistere . Se guardiamo  dentro, di noi troveremo tutto il mondo, proprio come se ammirassimo un prato fiorito , un cielo con le stelle o con le nuvole, un  mare in burrasca,il temporale e il sereno, e come pure ci troviamo l'amore e anche l'odio , perchè fanno parte della natura umana . Se parliamo con gli alberi e sentiamo che ci comunicano sempre una cosa" Come a dire :Chi ci ha dato la fortuna di esistere merita amore"Seguendo questo suggerimento ho pensato al mio cuore, alla profondità del mio essere donna e ho cercato la Luce e l'armonia.E così che mi mi sono sentita parte del cosmo e di questo creato.....Difetti umani compresi. Come vediamo abbiamo tutto , basta cercarlo nel nostro cuore .

10 commenti:

Lina-solopoesie ha detto...

Non smettiamo mai di inseguire il nostri Aquiloni .Anche se si sa che per noi sarà impossibile raggiungerli .

Lina-solopoesie ha detto...

Non esiste la luce senza l'ombra,come pure il bene senza il male, il Buono senza il Malvagio, per che è proprio da questo "Scontro" fra queste due Titaniche forze che nasce l'Eterno.Ma un mondo fatto solo di amore Luce e Bene non so quanto potranno sopravvivere, senza una Forza
Contrapposta che lo rinnovi ogni giorno .Ma poi alla fine vince sempre la VITA.

Lina-solopoesie ha detto...

La luce del sole non è quella che vediamo con i nostri occhi , ma quella che abbiamo in fondo al cuore. Potremmo provare a metterci in una stanza buia ma qualche fessura lascerà sempre passare la luce.Potremmo anche bendarci gli occhi,ma seppure debolissimi uno spiraglio filtrerà sempre ugualmente. Una tenue luce appena sufficiente a farci distinguere un movimento tra le ombre, probabilmente, ma sarebbe pur sempre una luce. E comunque anche nel buio più completo non riusciremo mai a capirlo per che noi sappiamo com’è il sole. sappiamo come è fatto. Sappiamo com’è un arcobaleno. Sappiamo qual' è il colore di cui si tinge il nostro cielo quando il giorno e
la notte...

Lina-solopoesie ha detto...

E vero che ho i miei anni ma la seta di conoscenza mai mi abbandona . Tante omologazioni e suddivisioni sull'età per me non hanno alcun senso senso.Io anagraficamente sono "grande" ma mentalmente sono e mi sento un "giovane dentro " In casa ho un infinità di specchi che guardo e che mi fanno "capire e notare" gli anni che sono passati, ma per fortuna la mia condizione mentale e spirituale attuale non la cambierei con i miei anni di gioventù !Però anche l'estetica ha la sua importanza , essere giovani dentro quando fuori ci si vede vecchi non è piacevole ma solo per chi non accetta lo scorrere del tempo: c'est la vie, solo l'arte che possiamo creare è immortale ma noi viviamo nel ricordo di chi ci ama, per questo se siamo capaci ad amare e siamo riamati siamo sempre giovani e l'apparenza e le limitazioni dell'età diventano dettagli di poco conto .

Lina-solopoesie ha detto...

Nel mio mondo di sognatrice è un mondo dove non ci sono richieste di nessun tipo .La mia realtà esiste,ma devo pur dissetarla con questo mondo che galleggia dentro di me. Ma la realtà non è quella che vedono i miei occhi, devo imparare ad usare il terzo occhio, che io chiamo l'occhio dell'anima la mia anima è il fuoco, il fulcro di quello che sono , di quella che sono stata e di quella che sarò.Se imparerò ad unire questi due mondi allora solo allora la realtà cambierà in meglio.

Lina-solopoesie ha detto...

Gli anni possono rendendomi saggia , il dolore rendendomi forte , ma il vero miracolo lo compie solo l'amore rendendomi migliore, e se potessi rinascere, se potessi scegliere cosa diventare, chiederei di essere un'aquila, per volare più in alto possibile, dove l'uomo non può arrivare, ma soprattutto poter dire di essere fiera di me.

Lina-solopoesie ha detto...

La vita è un gomitolo che si consuma. Io ho sempre sperato che al centro ci fosse la felicità e così ho continuato a tirare il gomitolo , ad arrotolarlo velocemente come velocemente vivevo la vita senza pensare che con quel gomitolo potevo fermalo . Oggi cucio i miei i giorni più belli , ricamando su di essi momenti dolcissimi che la vita mi offre oggi

Lina-solopoesie ha detto...

Io non ho bisogno di giudici ma, nella mia fragilità guardo incantata alle persone che sanno ascoltarmi per quello che voglio dire di me, per quello che cedo loro.Oggi è un giorno di lotta, domani è un giorno di vittoria, sguaina la spada e rafforza lo sguardo, l'energia che uscirà dal mio sguardo paralizzerà i miei nemici, si chineranno d'innanzi a tale superiorità, ammireranno la grande forza che emano e chiederanno perdono per aver potuto pensare di sfidarmi anche solo con lo sguardo.!Non considerare mai una battaglia persa in partenza quando posso perderla combattendo

Lina-solopoesie ha detto...

Un vecchio detto dice: Tra il dire è il fare c'è di mezzo il mare, ed io in quel immenso mare mi perdo e tra parole e affanni nuoto stanca verso una riva che ancora il mio occhio non coglie. Non miro io che affanno all'isola che non vedo , cerco piuttosto sostegno nei piccoli aiuti che lo stesso mare della vita mi offre . Talvolta anche un piccolo pezzo di legno può salvarmi dallo sprofondare nei bui degli abissi. Resisto alla vita, l'orizzonte che cerco apparirà al mio guardare solo quando il mio occhio sarà completo.

Lina-solopoesie ha detto...

Chi sono io? Sono una persona malinconica con la vocazione di essere allegra.Il flusso del mal di vivere il susseguirsi di pensieri che abitano la mia mente, spesso ne sono prigioniera.La vita non mi ha chiesto di essere una "superdonna " e di fare sforzi immani, di essere perfetta o di cambiare qualcosa dentro di me ma di essere accolta, senza pianificazioni, giudizi, autocritiche.Senza che sia io a dirle che cosa deve fare .Non mi sento superiore ad altri , perchè Dio mi ha creata uguale a gli altri . vorrei però ogni tanto accendere di luce i miei desideri e soprattutto viverli.