mercoledì 22 giugno 2011

LE MIE RIFLESSIONI

IO ...LINA SCRIVO .
Quando le mie riflessioni sono giunte al suo culmine e la ponderazione ha fatto il suo cammino, è necessario che io agisca .
***
 Il mio troppo pensare paralizza le giuste azioni, e quando avverto i primi sintomi di stanchezza, quando errare non è più in piacere per me, ma una fatica, meglio che mi cerco un 
***
luogo di appoggio o un rifugio sicuro, anche se poi non è del tutto soddisfacenti. Se voglio ottenere un pò di successo , farò in modo che la mia indole sia come la giada, che splende soave
 nella sua... durezza.

Le ali della vita .
Il tempo che passa non è tempo perduto ma è solo passato. Non posso fermarlo posso solo corrergli dietro fantasticando per godere al massimo di quello che le tante ore ancora mi offrono.
***
 Ed io sono qui a guardare il tempo passare e così vivo la notte e il giorno. Un 'altro sole un 'altra luna che sorge. Il sole che sorge ogni giorno fiero alto nel cielo, e la sera stanco del proprio lavoro tramonta per ristorare la sua luce. 
***
Ed io con le ali della vita, su monti di pensieri e colline di ricordi mi specchio in laghi di sogni e nel tumultuoso mari di emozioni mi emergo per scoprire qualcosa di nuovo illuminato dal sole di oggi. Il tempo... Il mio tempo che mi regala....
 ANCHE NUOVI GIORNI .
Lina Viglione 

4 commenti:

Tomaso ha detto...

Bello il premio cara Lina, l'amicizia ci aiuta sempre per superare le difficoltà quotidiane. Dunque non hanno importanza da dove arrivino, importante sentirle dentro di noi.
Tomaso

cooksappe ha detto...

buona giornata!

Lina-solopoesie ha detto...

Viaggiare con la fantasia sin da piccola e stata è una utile evasione.Un un lusso che mi prendevo come diritto e pareggiavo il conto con l'infinita' di doveri quotidiani! Quanti viaggi facevo , in modo meravigliosamente fantastico.Mi avevo creato un mondo tutto mio, si chiamava "Fantasia" ci vivevano tutti i personaggi che vedevo nelle favole nei fumetti nei cartoni.Be!Ora con la mia età certi viaggi non li faccio più.Però penso di avere ancora un buon rapporto con la fantasia soprattutto con i sogni, e questo è la mia fortuna se non un pregio per che quando si smette di sognare si smette di vivere. L'importante e' riconoscere il viaggio della fantasia da quello della vita reale.

Lina-solopoesie ha detto...

Accade a volte, che mi sento felice senza capirne la ragione e non importa che fuori sia una bella giornata o piove , ho quella carica adrenalinica che a stento riusco a controllare.Una voglia innata di bontà, vorrei abbracciare tutti i bambini del mondo,o quel'anziano che vedo solo seduto su una panchina triste e solo . vorrei essere tante persone per poterne aiutare altrettante , e leggere nel loro volto quel sorriso o che fa sperare davvero in un mondo migliore.La felicità è un'attimo rubato al dolore e solo chi non ha mai sofferto, non può apprezzare quei brevi attimi di vera felicità.