giovedì 31 dicembre 2015

SOGNI RUBATI

 RIDATEMI I MIEI SOGNI 
I miei sogni sono lassù ,in alto ,in mezzo alle stelle o laggiù nel profondo del mare dove stanno delfini e sirene,o nel bosco con gli gnomi e le fate.Sono in un vecchia cassaforte di cui ho perduto la chiave.
***
I miei sogni hanno una musica dolce soave, ,cantano nel cuore , mi cullano per farmi dormire come se fossi ancora bambina .I miei sogni hanno assenze magiche .
***
Suoni melodiosi di usignoli, con violini e arpe, e un orchestra di angeli,ed io ci sto bene in questo mondo dove regna la pace in mezzo alle guerre ,di amici in mezzo ai nemici,di amori in mezzo all'odio. 
***
In alto!In alto! mi portano i sogni,lasciando orme indelebili dentro di me .Il mio unico dovere oggi?
E' SALVARE I MIEI SOGNI. 

SOGNI RUBATI  . 
Da bambina, il mio più grande sogno era quello di saper leggere e scrivere perché volevo fare la maestra oppure diventare una scrittrice. Studiare mi piaceva molto, ma non avevo avuto l'audacia di lottare per rivendicare il mio diritto di andare a scuola. Iniziai a mettere nero su bianco solo in tarda età.
***
I miei scritti! Quante difficoltà ho incontrato nel realizzarli. Non crediate che sia stato facile. Li scrivevo e poi li cancellavo perché nel rileggerli mi apparivano come abbozzi confusi e indecifrabili. Ognuno di essi è un ricordo di quanta fatica mi sia costato imparare.
***
Sembrava quasi che la fatalità costringesse la mia mente a esprimere i suoi giudizi e le sue affermazioni.Scrivevo come se la penna pesasse quanto una perforatrice elettrica, "vibrante" per l'incertezza e il tremito delle mie mani. Infine, quel poco che so l'ho appreso da sola, da autodidatta.
***
Per questo non ho potuto assimilare bene né la coniugazione dei verbi, né la sintassi e l’ortografia. Quanto alla punteggiatura, ancora adesso non capisco dove vanno posti i punti, le virgole e gli altri segni per rendere migliori i pensieri che tento di esprimere  .
***
Non conosco né storia né geografia. Di matematica non ne parliamo proprio! Eppure ho dovuto leggere e studiare nel grande libro della vita e assimilare  tutto a mie spese.
In questo libro le virgole e i punti non erano quei bei simboli tracciati dalla penna come espressioni di bella scrittura, ma piuttosto competizioni  quotidiane!
***
Ho camminato tra le pagine di quel grande libro raccogliendo il male, ma da questo ho capito  cos’era il bene. Con insolenza  ho rubato a questa vita un po’ di  riconoscimento  per me stessa.
Oggi so che nella grande enciclopedia della vita è scalfita anche la mia storia, una storia compilata  giorno per giorno e, visto che la matematica non è il mio forte, non saprei proprio  con la fantasia  quanti siano i giorni di questa lotta vissuta.
***
È vero che con un po’ d'impegno avrei appreso tutte le basi  che i libri di scuola possono dare. Ma a cosa mi sarebbero servite se la vita aveva per me prospetti  diversi?
Questi piani  ho cercato di realizzarli nei migliori dei modi. Se poi c'è stata un cambiamento  di direzione  un po’ sballata, non ha nessuna importanza : tanto solo io...
CONOSCO ME STESSA.
Lina Viglione 

IL SENTIERO DELLA VITA  
I sogni appartengono ai grandi e ai piccoli. Sono di tutti anche se sono irraggiungibili come le stelle, ma è bello sapere che sono lassù quando alziamo gli occhi "sono la porta d'ingresso dei desideri e solo attraverso questi si può conoscere l'infinito.
***
Nell'estremo limite del mondo dove il cielo si confonde con la terra c'è l'albero dei sogni.Ogni foglia è un sogno, che nasce dal ramo della vita, cresce, si stacca con il vento d'autunno,scivola leggera a terra, si ricompone ad essa, ritorna a farne parte.
***
Ogni sogno perduto parte di noi, della nostra storia, una luce che guardando indietro riesci ancora a vedere, una stella che ha guidato il nostro cammino.
***
L'importante e non fermarsi mai ci saranno altre stelle ed altri sogni, ma il sentiero si farà più sicuro, la terra più solida, le nebbie del sogno acquisteranno consistenza e verità e quando arriverai infine all'albero saprai che valeva  la pena ..
 ANCHE SOLO DI SOGNARE .
Scrive un saggio: “Non sono niente. Non sarò mai niente.Non posso volere d'essere niente.:A parte questo, ho in me tutti i sogni del mondo.Tutto l'universo cospira, affinché io se lo desidero con tutto me stessa possa riuscire un giorno a realizzare tutti i miei sogni.

Nessun commento: