sabato 27 maggio 2017

LA CATTIVERIA UMANA

PERCHE' L'UOMO E' CATTIVO .
Una persona che viene definito cattivo è perchè non ama nessuno. Lui soffre e fa soffrire. Non amando se stesso, non riesce a dimostrare amore per gli altri e non si sente benvoluto .
***
E' questo tentativo di fortificare  la sua natura  verso la ipersensibilità. Il motivo maggiore per cui sente l'impulso di causare agli altri le sue tribolazioni , e fa ingiustamente del male a se stesso e agli altri . Di ciò egli non è cosciente , logicamente .
***
 Il suo animo egoistico gli offre mille scuse, che però non è il motivo reale della sua condotta . Per tanto , anche se non è agevole , anche se va contro le spinte emozionali scandite dall' emotivo egoistico.
***
E' proprio per i cattivi che si dovrebbe avere una particolare comprensione,  perchè  sicuramente non stanno bene con se stessi e   si creano  mille problemi, e trovano difficile riportarsi in maniera giusta  con gli altri. Alla fine sono soltanto loro che devono imparare a convivere con la loro persona e  ad accettarsi.
***
Questa che non è giustifica la cattiveria, ma una coscienza sovra propria, e della concretezza umana,una luce d'Amore che sa esplorare le cose con gli eventi dell'occhio Divino che tutti abbiamo dentro.
 Scrive un saggio : Essere cattivi non sempre è una colpa. A volte è la vita che fa diventare così.Ma è una colpa fingersi buoni...
QUELLO SI  CHE  E' IMPERDONABILE.
 Lina Viglione 
LA CATTIVERIA  UMANA 
La cattiveria è sempre esistita e non cesserà mai di esistere, altrimenti poi non ci sarebbe la bontà, e le buone azioni  non si  distinguerebbero da quelle cattive . Sono le due facce della medaglia, l'esistenza  dell'una  hanno in sè  il "rovescio della medaglia"
Le persone sane, bilanciate e felici lasciano assopito  la seconda,  trascinando fuori solo la prima. 
***
Quelle infelici,inappagate  e di indole rabbiosa, invece, tirano fuori quella cattiva e  convogliano  verso gli altri. E' il nocciolo duro del nostro carattere ! quella più  cattiva e meno distinguibile si esprime in modi più affiliato , e con le buone maniere,  nel tempo in cui  è sotto gli occhi di tutti quella sgargiante che si esprime con ferocia .
***
 Alla fine finché ci sarà la mentalità predominante  dell'uomo sui propri simili vedremo sempre astio  e cattiveria.Perché nessuno al mondo....
 RIESCE A ESSERE COME DIO .
 Lina Viglione . 
BUONI E CATTIVI .
 A mio parere la cattiveria esiste .Tutti noi abbiamo  una parte buona ed una cattiva e si trova nel nostro inconscio .E' la nostra indole a sviluppare una piu'  dell'altra,perchè fa parte delle caratteristiche degli umani, chi è più cattivo e chi meno.
*** 
Credo  che tutti possono essere cattivi, in base alle situazioni in cui si trova, e comunque siamo tutti imperfetti, quindi è normale.Scrive un saggio :Niente e nessuno è perfetto. Ci vuole solo un buon occhio per trovare....
 LE IMPERFEZIONI  NASCOSTE . 
Lina Viglione.
NESSUNO E PERFETTO 
Prediligo pensare fino a dove può arrivare  la solidarietà delle persone,perchè solo pensando alla soavità , alla Sensibilità e all'amore verso il prossimo che si può cercare di creare qualcosa nello stesso modo buono,  reale  e Umano. 
***
La cattiveria è una componente  necessaria  della natura Umana, perchè  solo in cospetto  di essa si può  venerare  ed elogiare la benignità d'Animo di ogni Esseri Umani. 
***
Se non ci fosse la cattiveria non ci sarebbe la Bontà, e se non ci fossero esseri umani cattivi non proveremmo stima ed venerazione per ogni essere umano  buono ...
 DEGNI DI ESSERE DEFINITI UMANI .
 Lina Viglione .
VOLERSI BENE . 
volersi bene è un  tragitto  difficile, ma non impossibile,ma  se  vogliamo sentirci  bene  con noi stessi dobbiamo  imboccare  la strada  dell'amore . 
***
Iniziando a prendere coscienza del nostro corpo, gestire i pregi e i difetti. Imparando  ad accettare le nostre incompletezze  e a valorizzare i nostri  pregi.
***
Solo così ci sentiremo  bene  con il nostro corpo. Poi passiamo  all'aspetto caratteriale . Scriviamo su un diario  tutti i nostri  pregi e in un altro con i nostri  difetti.
***
 Dopo leggendo i nostri  difetti, scriviamo  come potremmo farlo per migliorarlo, e se siamo veramente disposti  a cambiare quel lato del nostro  carattere cancelliamo dal diario   i difetti  e scriviamolo  su quello dei pregi, sotto la sua nuova forma appresa .
***
 Indubbiamente  non tutti i difetti dipendono da noi  e non li possiamo  cambiare tutti, ma è necessario  accettare i nostri difetti che  non  possiamo cambiare. E non sentiamoci offesi se qualcuno li riconosce in noi .
***
 Non perdiamo la nostra autostima , ma pensiamo che noi siamo le  persone più  apprezzabili della  nostra vita,e che  è indispensabile  volerci  bene dato che passeremo  una vita insieme a noi stessi . E vedremo che tutto andrà come il ...
 NOSTRO CUORE DESIDERA .
 Lina Viglione 
 VIVA LA BONTA'

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Cara Lina ai portato un argomento molto interessante, già da dove viene la cattiveria, io conosco solo un modo per debellarla!!!
Prima di tutto ama te stesso poi verrà automatico che non sarai più capace di sfoggiare la cattiveria, amerai anche il prossimo.
Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso

Linasolopoesie ha detto...

CARO TOMASO .
Ricordiamoci anche che la cattiveria non è violenza vera è propria . Si può essere cattivi anche con l'uso casuale e semplice delle parole, dal tono della voce e del comportamento , tutti modi buoni per ferire una persona anche in modo incancellabile , ma non per questo si finisce in prigione .

Ci sono parole che possiedono un potere magico ed eccezionale . Molte persone si son fatti uccidere per parole che avevano frainteso il vero significato, e spesso anche per una frasi che non aveva neppure un significato. Ha! parole- parole, quali crimini si commettono in vostro nome... Lina Viglione