lunedì 27 maggio 2013

PAGINE VUOTE.

 PAGINE DA SCRIVERE .
Pagine  bianche  sempre pronte ad accogliere pensieri e riflessi, rendendo gioiosi e importanti    anche i giorni più banali .Pagine  bianche, dove ogni  traccia di inchiostro tracciano quelle immense dell'anima, le quali  riaffiorano dolcemente..
**
 Pagine bianche...  ,pagine di vita non scritte, racchiuse nella monotonia dei giorni sempre uguali, giorni senza emozioni ,senza colori, dove la vita si assopisce. Pagine  bianche, preziosi custodi di mille possibili segreti, che possono  risvegliare e donare emozioni, invadendole  di luci e colori . 
**
Pagine  bianche dove la propria anima nella sua piena totalità imprigiona ogni pensiero muto nel  quale si chiudono tanti ricordi. Pagine  bianche per ricordare al nostro cuore una storia già scritta e  che ritorna  contro la propria volontà, sussurrandoci che è  in' attesa di nuovi colori e di nuove sfumature, che la vita ci dona e che  solo un'anima colma  può recepire. In questo manto di  nuova luce e colori  anche la malinconia si veste di  gioia .
**
 Pagine  bianche  senza punti di riferimento, senza certezze ma  con un punto interrogativo, sul quale  l'uomo si sofferma  su dettagli molto spesso negativi, nei quali  la bellezza della vita scompare.Un punto interrogativo grande come una montagna che solo il fuoco e  il vento lo potranno  distruggere, mentre noi ci innalzeremo   verso  cieli azzurri, dove il tempo non è tempo, e in questo spazio senza tempo voleremo come un bianco stormo di bianchi gabbiani liberi nell'eternità , dove non ci sono punti interrogativi  ne ...
Pagine bianche.
Foto di  settembre 2012
 Sul tramonto di una giornata chiudo gli occhi, per mettere a fuoco la giornata che ho vissuto, forse per vederlo meglio? Questa è l'ora che entro con cautela nel "nascondiglio" della mia anima.In questi momenti magici ritrovo tra cuore e anima il dolce connubio,e dolcemente mi affido a loro.Momenti che vivo da sola, anche un fruscio potrebbe rompere il dolce incantesimo.Sotto la luce del giorno, quando il sole illumina la terra, vivo rido e mi adatto alla vita.In quest'armonia di pensieri e di pienezza chiudo gli occhi sul filo dorato che il cielo mi dona ogni sera, un filo che dolcemente si sposta per lasciar posto all'argentata luna, sotto la quale ogni fibra della mia anima respira e si calma trovando e dando un senso a quello che sono..

13 commenti:

Lina-solopoesie ha detto...

COME NASCE LA POESIA
La poesia nasce dalla malinconia, oppure a sintomi di stanchezza. Io davanti a un foglio bianco scrivo tutto quello che mi sento di scrivere e poco importa se può essere triste o bello, l'importante e che io lascio spazio alla mia vena poetica e di esprimere comunque come meglio credo i miei pensieri , perché' questa e' la mia natura o triste o no ,o malinconica o no . Questa è e rimarrà' la mia natura . In quanto io riesco a cogliere cose che non tutti sanno cogliere e questo dono non voglio sprecarlo. Quindi è innaturale controllare quello che scrivo per rendere il tutto più gioioso e per rispettare il mio animo che sa andare a scavare in profondità con la stessa naturalezza con cui rimane gioioso, abbandonando la banalità e la superficialità perchè la malinconia trasmette molte più emozioni e questo sono le emozioni, gli stati di animo in base ai livelli di vita che c’è in noi e intorno a noi e conta molto la sincerità di quello che diciamo .

Lina-solopoesie ha detto...

VOGLIA DI SCRIVERE
Ho una grande voglia di scrivere e di comunicare i miei pensieri che mi passano per la testa . Per questo sono quì a riflettere su ciò che scrivo e dico e quando la mia ragione vuole sapere troppo è necessario che crearmi degli alibi per liberare l'animo dalle trappole dei ragionamenti, e da quì la mia voglia di scrivere , finché il stato d'animo viene appagato. Oltre si migliora il contenuto ma non la veridicità di ciò che voglio trasmettere agli altri .

Lina-solopoesie ha detto...

IL MONDO DELLA POESIA
Scrivere è una magia che mi viene dall'anima. Chiudo gli occhi ed entro nel mondo della poesia che ormai è dentro di me !Poi tutto ciò che penso lo butto giù sul foglio, la sindrome mi passa iniziando a scrivere i pensieri, e se vedo che sono pensieri poetici allora sono sulla buona strada !Scrivo finalmente come parlo e mi libera! Rifletto su ciò che scrivo e dico, e quando la mia ragione vuole sapere troppo è necessario che crearmi degli alibi per liberare il mio animo dalle trappole dei ragionamenti, e da quì la mia voglia di scrivere finché il mio stato d'animo viene appagato, e se trovo qualcosa che ancora non mi convince lo cambio e quando rileggo cose che mi piacciono sono davvero Fiera ...di me.

Lina-solopoesie ha detto...

SCRIVERE LE MIE EMOZIONI
Felicemente gioiosa scrivo le mie emozioni .Per questo mi definisco " Aspirante scrittrice" Quando sono felice di solito canto .Quando sono triste scrivo . La tristezza che si nota in tutte i miei versi , è una condizione che si presta a considerazioni profonde e malinconiche è il cosiddetto "pianto del poeta". E quando mi domando se la mia è una vita felice, rispondo solo che mi piace. La felicità non esiste è una condizione totalizzante che mi fa vivere in una nuvoletta dove esisto solo io . Ciò che mi rende felice, non mi apre al mondo, ma fa di me il mio mondo, per cui gli altri, le loro storie, la loro vita, hanno davvero poco peso.E' sicuramente dallo scrivere col cuore in mano che emerge la vera essenza di un poeta.

Lina-solopoesie ha detto...

SCRIVERE VERSI .
Le idee migliori per scrivere mi vengono quando sono malinconica. Perché è la malinconia - e non l'allegria - la condizione ideale per scrivere bene per esprimere quanto ho dentro .Se il mio spirito è agitato da un sentimento forte, questa è una spinta ad esternarlo tramite la scrittura.La poesia ,almeno in una società come la nostra , vittima di un materialismo che ci ha depauperati di un qualsiasi fondamento di umanità, sia l'unico modo di superare la forma e di ritrovare un sentito bisogno di genuinità interiore che può essere esternato verso chiunque .Ed io scrivo versi quando il mio cuore ha voglia di parlare, quando sente la necessità di urlare e quando vuole far arrivare ad altri la sua dolcezza e sincerità.

Lina-solopoesie ha detto...

VORREI ESSERE POETA .
Come vorrei esser poeta e riuscire con le parole a dir ciò che il cuore sussurra.Ma parla un cuore?Oh! Si!Parla, canta, piange, vola.Ed io in questo volo vorrei raggiungere tutte le persone che soffrono ed abbracciarli tutti .Ho! se io potessi! colorerei il mondo di bontà, di generosità, di bellezza,di fratellanza. Piccole grandi mani unite per un mondo. Piccolo grande mondo che unisce mille mani insieme, piano piano, con pazienza e dolcezza, per asciugare lacrime e donare carezze.Vorrei essere un poeta ,Ha! se lo fossi ! Ma sono solo una donna e parla silenzioso il mio cuore. Canta, piange, tace, vola. Chi lo sa ascoltare questo non lo so !La vita è un viaggio. Si arriva passo dopo passo.E se ogni passo è magico lo sarà anche la vita. Ogni giorno imparo qualcosa di nuovo su me stessa e sugli altri.Ogni giorno cerco di essere consapevole delle cose belle che ci sono nel mondo.E non lascio che altri mi convincano del contrario.Guardo i fiori. Guardo gli uccellini. Percepisco la brezza e condivido la bellezza del mondo con gli altri.

Lina-solopoesie ha detto...

IL DONO DI SAPER SCRIVE POESIE
Scrivere poesie è veramente un dono .Ci vuole sensibilità ,un' apertura mentale e una conoscenza molto ampia dei vocaboli . Se siamo capaci di Ascoltare noi stessi e tutto ciò,in un corretto connubio, possiamo partorire le più belle poesie che mai abbiamo scritto .Chi sa se un giorno ci riuscirò... anch'io

Lina-solopoesie ha detto...

LA RAGIONE DIVINA .
Io amo e e rispetto quello che la vita mi dona. Ma spesso la mia mente(in quanto umana) non sempre comprende. Io sono un essere limitato , solo Dio è infinito e trascendente e può conoscere il mio cuore per quello che o dentro. E se ci sono delle regole da rispettare è perchè so che posso seguire la ragione divina, perchè ne ho la capacità, altrimenti non mi avrebbe dato neanche il compito di amare il prossimo mio come me stessa .Evidentemente la mia umanità non è di ostacolo al Suo disegno.Dovrò ringraziarlo per il tutto ,per la vita innanzitutto, per l'amore di cui sono capace di dare , per le emozioni belle e brutte che danno un senso al vivere.Scrisse Gabriel Garçia Marquez "Ho imparato che tutto il mondo vuole vivere in cima alla montagna, senza sapere che la vera felicità è nella maniera di salire la scarpata."Aggiungo che :Il bello della vita sta nel viaggio intrapreso non tanto nella destinazione."Nessuno mi ricorderà per i miei pensieri segreti. "Sono un concentrato di saggezza di Cent'anni di solitudine.

Lina-solopoesie ha detto...

LA VITA E' UNA FAVOLA .
Il tempo è il ladro più spietato. Ogni giorno che passa in tutta fretta mi porta via qualcosa di prezioso che non potrà più tornare e mi fa brillare come oro quelle cose che in realtà preziose non sono affatto.E' un mercante che non mercanteggia, quello che si cede si perde per sempre. Cosa farò quando tutte le mie illusioni saranno spazzate via ? Allora me ne costruirò delle altre, ancora più belle e continuerò a vivere il resto della mia vita come se fosse un bellissimo sogno. E se il lieto fine esiste in tutte le favole.Farò della mia vita una Bellissima favola .

Lina-solopoesie ha detto...

PENSIERI E PAROLE
A volte si è troppo innamorati delle parole e troppo poco dei pensieri e del concetto che viene espresso attraverso le belle parole . Ma se si sanno usare bene le parole hanno un potere immenso, e chi le legge è facile innamorarsene , fanno pensare, sognare e incantare e se usate bene insegnano molto.Ma servono anche i pensieri , prima ancora di essere parole e non sempre ciò che abbiamo dentro riesce ad emergere,come se il pensiero avesse pudore a mostrarsi, quasi temesse di affacciarsi ad un mondo sconosciuto; è per questo che bisogna essere soprattutto profondità e non apparenza. Le parole da sole, e la combinazione tra esse, sono lo strumento di cui serve per portare fuori di noi una parte di noi stessi e attraverso le parole possiamo portare agli altri un pezzo di noi . Possiamo dimostrare agli altri come siamo , quello che pensiamo e rendere agli altri una parte di emozione che proviamo ,ci entrano nel cuore e di sicuro non si dimenticano mai, ci danno una forte energia da far vibrare le corde, e ognuno suona la sua musica.

Lina-solopoesie ha detto...

Hesse ilsaggio poeta: scriveva che a volte non basta un'intera esistenza per scrivere le cinque parole di un verso poetico che nella loro profondità scavano nel proprio animo e in quello degli altri .Da questa sensibilità nasce la "poesia " che non sarebbe tale se non toccasse le corde del sentimento e delle emozioni , della malinconia e delle inquietudini , dei problemi esistenziali e del rapporto col divino . Io trovo che la poesia sia un rigurgito improvviso di parole che escono dal cuore senza che si riesce a fermarle, un fiotto improvviso di sensazioni tramutato in scrittura, di pensieri che escono insieme al respiro con dita che scivolano sulla tastiera, parole che scaturiscono come un fiume in piena.Ecco! Come nasce la " poesia" Non c'è un perchè c'è solo il bisogno di dire che nasce dal nostro "io", dalla nostra sofferenza e dagli input fornitici dall'ambiente in cui viviamo, dai nostri sogni e da ciò che abbiamo dentro... dal cuore!Io le scrivo di getto,Con una penna trasferisco su un foglio emozioni dettate dalla mia anima. L'importante e chi legge ciò che scrivo percepisce la parte più profonda ed intensa di me .

Lina-solopoesie ha detto...

immagino di sapere ciò che voglio dalla vita, ma delle volte non mi rendo nemmeno conto di ciò che già ho .Non lascio mai che l'inevitabilità della mia esistenza mi strappi via qualcosa a cui tengo molto , senza prima averla onorata a dovere ed essermela goduta fino allo stremo.

Lina-solopoesie ha detto...

Non m'importa quanti "colpi" bassi ricevo , non importa da chi li ricevo e , quante volte mi feriranno ;Ciò che conta è aver la certezza che anche in quei momenti chi mi vuole bene sarà sempre a me vicino pronta ad aiutarmi porgendomi una mano, curandomi le "ferite" se necessario o semplicemente regalandomi un abbraccio o un sorriso.Io sono come un albero, ho sempre bisogno della Luce per vivere.