martedì 14 febbraio 2017

VIVA L'AMORE

SERENA SI! FELICE? ...RARAMENTE .
Corro sempre dietro ai miei desideri, forse dovrò percorrere migliaia di chilometri lontano da casa per soddisfarli per poi accorgermi che ciò che cercavo era già con me o più vicino di quanto potessi mai immaginare. Ma poco importa , sicuramente il viaggio che ho compiuto vale almeno quanto ciò che ho ottenuto.
***
Sentirmi felice equivale ad accontentarmi di ciò che ho .
Pertanto so che non sarò mai felice - al massimo sarò felicemente serena, e mi dovrò accontentare. Tutto sommato, la vita è stata abbastanza generosa con me.È meglio avere il 50% di qualcosa che il 100% di niente.
***
Dice un saggio: Accontentarsi di ciò che si ha, consente di essere sempre lieti e guardare gli altri senza invidia.Intendiamoci: Mi accontento di ciò che ho per non perdere tempo inutilmente a rincorrere ...
QUELLO CHE NON POTRO' MAI AVERE 
Lina Viglione 

 ESSERE SAGGI . 
Per me la saggezza  vuol dire ne saper imparare a cambiare le cose che si possono cambiare, a sopportare quelle che non si possono cambiare e a distinguere le prime dalle seconde.
Perchè se è vero che non possiamo far girare il mondo intorno a noi, è altrettanto vero che non possiamo nemmeno starcene lì inerti ad aspettare che il mondo intero decida al nostro posto. 
***
Ognuno è artefice della propria sorte in qualche misura: almeno quello che possiamo fare per migliorarci e migliorare la nostra vita è doveroso farlo, senza aspettare la manna dal cielo e nemmeno credendo di poter avere tutto e subito.
***
Tanti geni e personaggi illustri erano anche persone sempre insoddisfatte, che ricercando sempre il meglio hanno creato opere immortali o hanno cambiato la storia.
***
Ma d'altro canto non dimentichiamo  che tante persone hanno, viceversa, trovato felicità ed equilibrio come insegnava Epicuro, ovvero godendo di quello stretto indispensabile che avevano e gli bastava.
***
A questo punto, si tratta solo di decidere cosa veramente si desidera, e accettare l'idea che vi sono traguardi raggiungibili e altri meno.Chi si limita ai primi forse andrà poco in là ma sarà felice; chi desidera i secondi forse arriverà a fare imprese titaniche, ma sapendo che le probabilità di successo saranno forzatamente minori.
***
La vita è generalmente piena di sorprese, anche positive.Ci sarà ancora molto da vedere...

 SE VERAMENTE LO VOGLIAMO .
 Lina viglione .

2 commenti:

Tomaso ha detto...

Cara Lina, come vedi ci sono nuovamente, passato quel brutto male che mi ha tenuto l'ontano da tutti voi, ora piano piano mi sto rimettendo e recupero le mie forze con la speranza di continuare ancora a lungo.
MI piace il tuo post è un argomento che non tutti lo guardano nel lato giusto, la povertà è una cosa che non sempre si nota, spesso uno è povero dentro di se stesso e non vede ciò che è giusto.
Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e incominciamo a sorridere:-)
Tomaso

Linasolopoesie ha detto...

Tomaso .Scrive un saggio. Le ricchezze senza generosità sono povertà de’ plebei.L’uomo che gioisce di ogni acquisto più del necessario, e si addolora di ogni perdita più del necessario, è avaro. Chi avverte entrambi questi sentimenti meno del necessario è prodigo. Chi invece li avverte come è necessario, è davvero generoso . Auguri Tomaso di una presta guarigione . Lina .