mercoledì 26 giugno 2013

DARE VOCE ALL'ANIMA.

LA FABBRICA DEI RICORDI .
 La vita è in crescendo, è una continua fabbrica di ricordi.E’ un giardino che offre colori e profumi nuovi.Lì dentro ci sto bene,fin che tutto ciò che abbraccio si rinnova .
OOO
Se un fiore appassisce, non mi do tanta pena, so che un altro sogno sboccerà a riempire i miei occhi.Cresce così il bagaglio dei miei ricordi, tra il profumo di nuovo e la memoria di quel che non è più.
OOO
Cosa importa se qualcosa si spegne, domani riaprirò le finestre e sarà giorno ancora.Cosa importa se cammino su sassi diversi, di strade la vita è piena.
OOO
Cosa importa se la mia mano non attinge dalla solita sorgente,il mio cammino è acqua in perenne movimento e la sete potrà spegnersi ...dovunque .E noi viviamo per morire,ma nel breve intervallo di sentimenti e follie che...
Si  chiama vita.
La mia  nuova macchina ( semi nuova)
Quando si scrive  è come mettere su un foglio bianco la propria anima e lasciarla  parlare e  il cuore  e lo si asseconda . Non so se è  liberatorio questo o  forse è più un bisogno dell'anima. In quei momenti noi parliamo  con chi ha voglia di ascoltarci e in quell'attimo  il nostro  silenzio diventa parola.Disse un saggio : Chi disprezza la poesia lo fa anche con la vita, perché la poesia  è l'unico mezzo con cui si può dar voce all'anima e senza di essa è più facile assomigliare a una statua  che a un essere umano. Viva la poesia !

10 commenti:

Lina-solopoesie ha detto...

Posso aggiungere tutte le ombre che voglio ad una tela ma attingo sempre dallo spessore di un carboncino, non dal buio della mia anima.Seguirò sempre il mio cuore, e la mia anima,non mi deluderanno mai , è come un fiore: ha bisogno della giusta dimora e della giusta umidità per vedere sbocciare i fiori , troppe lacrime o spazi angusti, irrimediabilmente la faranno appassire.Possiamo utilizzare i migliori materiali e gli attrezzi più idonei ma una volta che abbiamo provocato le crepe in un'anima niente la farà tornare integra.La felicità è un'attimo rubato al dolore.

Lina-solopoesie ha detto...

Le difficoltà della vita non sono altro che gradini per arrivare in cima.Non mi compatisco perché mi sono toccate,ma cerco di superarle diventando forte, poiché la successiva sarà sicuramente più dolorosa della precedente.Deve essere la mia vitalità a guidarmi. La cima di questa montagna è ancora inesplorata e non so cosa ci sia lassù.Ma sono certa che quando sarò diventata forte abbastanza, per terminare questa camminata, non vedrò altro che il sole.Il lieto fine esiste in tutte le favole.E un giorno io farò della mia vita una favola.

Lina-solopoesie ha detto...

La la terra ha bisogno dell'acqua per vivere, così anche la mia l'anima, ma a volte, necessita anche delle lacrime per non morire.La vera bellezza dell'amore è quando riesco a guardare oltre , che sa di infinito, ovunque. L'essenza di me che disperatamente cerco negli altri senza guardare ciò che vive in me . Per tanto nella mia vita niente e nessuno è più importante di chi riesce a regalarmi anche un solo sorriso per far spalancare una finestra sull'anima.

Lina-solopoesie ha detto...

Non posso essere felice se prima non sono stata infelice .La vera povertà è quella dell'anima! Mi sento povera davvero: quando non mi nutro l'anima di gioia e d'amore . La più dura delle povertà è quella che mi rende povera interiormente.

Lina-solopoesie ha detto...

Quando scrivo una poesia non uso la mente , ascolto solo la voce del cuore. Ed è allora che le sue parole toccano la mia anima!Nel candido foglio bianco , dove non sono riuscita a scrivere, cerco i colori della mia anima e accarezzo gli gli spazi vuoti con i palpiti del cuore e ne sento le emozioni che nessuna penna potrà mai descrivere. In quel foglio foglio bianco c'è il detto e non detto se i miei occhi riusciranno a vedere oltre le parole i paesaggi dell'anima .

Lina-solopoesie ha detto...

C'è un momento nella vita in cui mi sento padrona del mondo ed è quando sono in pace con me stessa , quando riesco a sentire il mio cuore e ne percepisco le semplici emozioni, e rispecchiandomi nella mia anima mi riconosco.Non sono ricca ma tutto ciò che possiedo è la mia anima.L'anima è il mio regno privato, ed è il cuore il passaggio segreto per potervi accedere. Ma I graffi sull'anima li porterò sempre con me , mi serviranno per rendermi molto più forte.Benché il destino farà la sua parte, io sarò il capitano della propria anima!

Lina-solopoesie ha detto...

Quando ammiro un tramonto, è come se mi specchiassi nella mia anima per cercare quella Luce nascosta per ritrovare me stessa ,e solo quando lascerò libero spazio alla mia anima potrò dire di essere una creatura meravigliosa capace di volare al di là delle nuvole.

Lina-solopoesie ha detto...

Non possiamo scoprire nuove galassie se abbiamo paura di perderci fra le stelle con la nostra navicella spaziale. Solo quando lasciamo il timone e diventiamo i piloti della nostra anima e la trasformiamo in una nave stellare possiamo scoprire nuove galassie . Abbandoniamo il timone e scopriamo l'infinito fuori e dentro di noi seguendo il stesso percorso che l’Anima ha disposto per noi dove neppure il vento più impetuoso potrà portarci lontano dal nostro cuore.

Lina-solopoesie ha detto...

Non mi preoccupo mai abbastanza della nascita e della morte, ma solo di rendere divertente ciò che sta in mezzo e di ogni ne faccio tesoro , e ne faccio un pieno di felicità felicità. Non esistono strada al mondo che sappiano indicarmi dove si trova la felicità, e ne posso sperare aspettando che sia lei a venirmi incontro, per questo devo andare avanti! La vita non si vive nell’ attesa di un incanto, la vita la si deve “camminare” Solo così è degna di essere vissuta e il mio crederci mi aiuterà a rendere ciò una verità.

Lina-solopoesie ha detto...

Di ombra è luce siamo fatti. Ma se non riesco a trovare la via dell'ombra, sarà difficile vedere anche la luce.L'anima libera è rara, essa mi prende ma non mi obbliga, mi segue ma non mi opprime. E se qualcuno vuole toccare la mia anima deve prima chiedermi permesso, non permetterò a nessuno né di graffiarla, né di scalfirla.Lei rifiorisce solo quando incrocia una nuova primavera.