lunedì 24 giugno 2013

IL MIO REGNO PRIVATO .



IL PIANTO DELL'ANIMA 
L'anima non sente in dolore ma il  dolore non scompare dal cuore .E se c'è io  imparo semplicemente a conviverci, finché non diventa parte della mia anima, perchè l'anima è il mio regno privato,
****
 ed è il cuore il passaggio segreto per potervi accedere.E li che è racchiuso il meglio di me . Il risultato della somma al suo interno e quello che io posso offrire... 
****
all'umanità .
Foto recente  Giugno 2013.
Sono una scalatrice imperfetta:Mi fermo in luoghi sereni per paura di proseguire la salita. L'oro della vita è la mia meravigliosa interiorità,più profonda e inafferrabile, difficile da esplorare e da sottrarre al mio io più profondo perché mi permette di vivere.Una strada in salita è faticosa,molte volte porta nei cieli e anche in paradiso, e io sono quella che preferisce la serenità ad un panorama dell'eternità.Voglio gioire di tutto ,in tutto ciò che contemplo , in ciò che faccio , con solo il telecomando del cuore . In fondo la vita non è altro che una musica meravigliosa, dove io cerco di metterci solo le parole.

10 commenti:

Lina-solopoesie ha detto...

Mi è capitato spesso di fare a botte con la mia stessa anima, ma una volta conosciuto il mondo là fuori ho capito di quanto sia importante curarla, e nelle ferite più profonde ho fatto spuntare le ali della rinascita!

Lina-solopoesie ha detto...

Sono le piccole cose belle che fanno bella la vita. Sono le piccole cose belle che regalano felicità e cambiano la giornata se la vivo con semplicità.E nelle nella peggiore sciagura, posso essere felice se a condividere l'attaccamento alla vita ci sono le persone che amo di più.

Lina-solopoesie ha detto...

Dovrei impegnarmi di più ad ascoltare la mia anima. Sono vittima dei miei pensieri! Ascolto solo loro, mi faccio atterrare da pensieri negativi creati dalla mia mente , quando invece potrei trovare la pace dando ascolto ai pensieri dell'Anima!Sono proprio le cicatrici nel cuore e nel'anima che determina cosa siamo, se poi queste cicatrici continuano a sanguinare, mai saremmo quello che desideriamo essere.

Lina-solopoesie ha detto...

Non facciamo mai spegnere quella fiammella nella nostra anima. Anche quando ci sembra di sprofondare in un mare di guai. L'unica cosa che ci serve per percorrere il cammino della vita, stà nella nostra coscienza, nella nostra coerenza. Il vero senso di responsabilità e la ricerca della conoscenza. Siamo noi stessi il bastone e la carota, niente paradiso e niente inferno ma solamente noi stessi.

Lina-solopoesie ha detto...

Nel tempo di burrasca io preferisco il silenzio attraverso lui, mi rigenero, rifletto, e sopravvivo a molte dure scosse! È il mio migliore amico il silenzio, forse è l unico che veramente mi ascolta e con lui mi apro e mi confido e riesco pure a ragionarci. Certe volte il silenzio è un momento di stacco; un momento dove davvero entro in contatto con me stessa, con la mia anima e riesco a sentire tutto ciò che penso.

Lina-solopoesie ha detto...

Un nuovo viaggio interiore è iniziato per me, ritorna più forte di prima a regalarmi versi in attesa di ritrovare i miei sogni svaniti nel nulla. Non ascolterò il cuore se lo sento tremare, domani, il sole tornerà a brillare per me, e difenderò dal gelo dell'inverno questo vuoto che mi riempie il cuore donandomi la speranza di un giorno nuovo da vivere.

Lina-solopoesie ha detto...

Il pianto è una liberazione dell'anima. Io non credo che piangono solo la donne, ho visto uomini che di fronte a un dolore piangere come bambini. Il pianto nasce da dentro e i motivi ne sono tanti e tutti validi. Che dire vivere senza mai piangere è come vivere senza sentire, non è sinonimo di debolezza, farlo significa sublunare un'emozione, esternarla e renderla veramente nostra.

Lina-solopoesie ha detto...

Dove vive la poesia ci trovo le mie parole.Non mi reputo una poetessa ,ma una cercatrice di parole . La scrittura resta mentre la parola con il tempo può perdersi.Anche quando rileggendo quello scrivo mi deludono,io scrivo , scrivo ovunque e in qualunque momento avverto l'esigenza di mettere su carta i miei pensieri, e vederci meglio, tanto,basta che lascio aprire quello che ho dentro e poi tutto viene da se! E un modo per osservarmi in modo oggettivo e capire cosa va e cosa no e trovare le parole adatte.In fondo scrivere è comunicare e tutto quello che scrivo è sono dettate dal cuore.Fanno bene a me che le scrivo. E " forse" anche a chi fa loro i miei pensieri esprimendo ciò che provo .

Lina-solopoesie ha detto...

Dovrei impegnarmi di più ad ascoltare la mia anima. Sono vittima dei miei pensieri! Ascolto solo loro, mi faccio atterrare da pensieri negativi creati dalla mia mente , quando invece potrei trovare la pace dando ascolto ai pensieri della mia Anima!Mi voglio nutrire di tutto ciò che mi abbellisce interiormente: questo mi appagherà più di ogni altra cosa.

Lina-solopoesie ha detto...

Il giardino più bello è quello della nostra anima, e va coltivato con amore. Io il mio giardino lo annaffio ogni giorno, con serietà e giudizio e non manco di inserire nuove pianticelle, poi butto via le erbacce cattive che non vogliono mai morire ed in più cerco di concimarlo con buoni semi. Il mio sogno? È quello di avere un giardino sempre più bello pieni di fiori e sempre più grande con tanti buoni frutti.